News Archivi - CentroAutomazioni


1 Agosto 2021

Per chi c’era e per quanti avrebbe voluto essere presenti, eccovi qualche dettaglio in più documentato durante l’evento di presentazione di “Agatha Flight Simulator”, il nostro progetto ultimo progetto innovativo. Ne hanno parlato:

ANSA Leggi l’articolo

TELEFRIULI Leggi l’articolo

TELEPORDENONE Guarda il video

IL GAZZETTINO Leggi l’articolo

MESSAGGEROVENETO

IL FRIULI Leggi l’articolo

Di seguito qualche scatto sia dell’evento di presentazione in anteprima a stampa e autorità, avvenuto nella mattinata del 30 luglio.

Agatha_centro automazioni_presentazione_sciarrabone_maisto
Agatha_centro automazioni_presentazione_pubblico
Agatha_centro automazioni_presentazione pubblico1
Agatha_centro automazioni_geo for children_1
Agatha_centro automazioni_commissario san quirino
Agatha_centro automazioni_cella
Agatha flight simulator_centro automazioni
agatha_flight-simulator_centro automazioni_tammaro e realtà virtuale
agatha_flight-simulator_centro automazioni_tammaro con VR
agatha_flight-simulator_centro automazioni_pubblico fronte
agatha_flight-simulator_centro automazioni_primo piano
agatha_flight-simulator_centro automazioni_ presentazione_pubblico
agatha_flight-simulator_centro automazioni
Agatha_centro automazioni_team1
Agatha_centro automazioni_Tammaro
Agatha_centro automazioni_sviluppatori1
Agatha_centro automazioni_sviluppatori
Agatha_centro automazioni_squadra telethon1
Agatha_centro automazioni_Sciarrabone_intervista
Agatha_centro automazioni_Sciarrabone_Alfonso


30 Luglio 20211

Poter volare senza limiti riproducendo in modo ancora più fedele la realtà in alta quota è l’ambizioso obiettivo che abbiamo perseguito senza sosta, anche in tempo di pandemia, e oggi raggiunto con “Agatha Flight Simulator”, il primo simulatore dinamico di volo a “g” sostenuti.

Il progetto, unico nel suo genere, è nato con l’intento di ricorrere alla tecnologia di trasmissione induttiva wireless di potenza (WPT) e alla realtà virtuale aumentata, per ottenere una cella di simulazione (la cabina di pilotaggio) priva di contatti fisici, come cablaggi e cavi, e permettere in tal modo rotazioni continue e infinite in ogni direzione dello spazio e la libertà di assumere qualsiasi posizione e velocità di accelerazione nelle tre dimensioni spaziali (X, Y, Z). Ovvero consentire lo studio dei fenomeni di accelerazione gravitazionale “g” e l’addestramento dei piloti in condizioni limite. L’aeroplano è infatti un mezzo sicuro ma si è osservato che la principale causa di incidenti consiste nella perdita di controllo dell’aereo, che avviene quando il pilota non è in grado di condurre il velivolo fuori da una condizione estrema. La sfida era quindi riuscire a mettere a punto un simulatore di volo che, attraverso complessi calcoli matematici e particolari dotazioni hardware e software, permettesse di simulare condizioni di volo critiche in modo accurato, tra cui la riproduzione di stalli aerodinamici, turbolenze, accelerazioni e virate.

Questi scenari devono fornire informazioni attendibili: si deve considerare, ad esempio, l’impatto dell’accelerazione di gravità “g” sulla percezione del pilota o anche come si percepisce un’accelerazione di gravità lineare, nonché gli effetti sul corpo e cervello umano. Consulente d’eccezione sul tema è stato per noi il pilota Massimo Tammaro, già comandante della Pattuglia Acrobatica Nazionale “Frecce Tricolori”, che ha partecipato al progetto dalla sua fase embrionale riconoscendo l’eccezionalità della tecnologia applicata.

Alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, decisamente impegnative anche per l’assenza in letteratura di ricerche e sperimentazioni antecedenti, ha lavorato un team multidisciplinare di tecnici coadiuvato anche dal Dipartimento Politecnico di Ingegneria e Architettura dell’Università di Udine che ha curato l’esecuzione di prove e test specifici tra cui l’esposizione a campi elettromagnetici.

Centro Automazioni con Agatha, oltre ad aver sviluppato un radicale  avanzamento  delle  tecnologie costruttive dei “simulatori di voli” in ambito aereonautico civile ha anche acquisito un importante avanzamento del know how interno, che stiamo già valutando di applicare per realizzare soluzioni innovative in molteplici altre applicazioni dove i sistemi di trasferimento di potenza Wireless WPT stanno assumendo un ruolo fondamentale; tra gli altri: l’automotive, la mobilità ecosostenibile, i sistemi di movimentazione industriale, la robotica in genere, i dispositivi di gioco o i simulatori ed acceleratori omnidirezionali.

Agatha tra l’altro non è il primo simulatore realizzato, già nel 2010 abbiamo presentato a Parma, durante l’SPS, la fiera leader in Italia di Automazione e Digitale per l’Industria, un evoluto simulatore di guida di Formula 1, frutto della nostra esperienza nell’ambito del motion control.

Il nostro amministratore Alfonso Sciarrabone, durante l’evento di presentazione nella sede di San Quirino, ha spiegato che:

«Con Agatha, garantendo la forza “g” durante tutte le manovre di volo e la possibilità di raggiungere i 25 metri al secondo quadrato, le sensazioni che il pilota prova sono davvero paragonabili a quelle di un volo non simulato. E da appassionato di volo volevo dare la possibilità a tutti di provarle. Ho la fortuna di avere al mio fianco un team di professionisti e amici che come me ama alzare l’asticella delle sfide innovative e a loro va il mio più grande ringraziamento per aver raggiunto questo nuovo e importante risultato».

Il progetto, selezionato anche dalla Regione Friuli Venezia Giulia nell’ambito del Programma Operativo Regionale (POR) FESR 2014-2020, che ha permesso di co-finanziare parte delle attività, si presta ad essere di interesse e a trovare applicazione non solo nell’ambito aeronautico e delle scuole di volo ma anche nel settore delle attrazioni e parchi divertimento.



30 Novembre 2019

Crediamo che lo sport e l’impegno per il sociale siano comuni denominatori di tutte le squadre che si impegnano per costruire un futuro, sicuramente un futuro migliore. Col nostro team garantiamo le prestazioni lavorative e forse un po’ meno quelle sportive ma come ormai da tradizione anche quest’anno abbiamo deciso di aderire alla 21° ‘Staffetta 24 x 1 ora Telethon’ di Udine.

Un evento pensato per sostenere la ricerca scientifica contro le malattie genetiche rare, grazie all’impegno del Comitato Udinese Staffette Telethon, dell’Amministrazione Comunale di Udine e della Bnl – Gruppo Bnp Paribas, main sponsor dell’iniziativa.

Negli anni, la staffetta è cresciuta sempre più, fino a coinvolgere, nell’ultima edizione, 552 squadre per un totale di oltre 13 mila podisti, tra i quali agonisti e amatori, che scendono in pista per l’occasione e 1800 studenti delle scuole del territorio. Numeri importanti, che testimoniano la grande solidarietà dei friulani, e non solo, consentendo – solo nel 2018 – di raccogliere più di 252 mila euro, interamente devoluti a favore della ricerca scientifica alla Fondazione Telethon.

Come da tradizione condividiamo quest’esperienza con gli amici di Dynamic Technologies Group che come Centro Automazioni ha scelto di sostenere l’iniziativa per il progresso e per contribuire a dare la migliore ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare e risposte concrete ai pazienti che ne soffrono.

 



1 Ottobre 20180

L’ennesima soddisfazione arriva dal nostro campione italiano di enduro Maurizio Micheluz che chiude il Campionato Italiano Assoluti con il titolo nazionale.

L’ultimo atto del tricolore assoluto di enduro si è svolto a San Giovanni Bianco, in val Brembana, ad una trentina di chilometri sopra Bergamo. La gara di questo week-end per il poliziotto avianese Maurizio Micheluz non è stata delle migliori. Il pilota Husqvarna ha sofferto per il riacutizzarsi di un dolore alla spalla durante la gara di europeo in Polonia di due settimane, e non è riuscito a prepararsi al meglio per questo ultimo round. Fortunatamente l’ottimo avvio di stagione gli ha fatto accumulare quel vantaggio in classifica che gli permetteva di poter correre tranquillo, e così è stato.
Terminando sabato in seconda posizione è infatti arrivata la matematica conquista del titolo tricolore della classe 250 2 tempi.
Ecco i sui commenti a fine gara: «Dopo 7 medaglie d’argento nel campionato italiano finalmente quest’anno la vittoria è arrivata! Mi dispiace non aver concluso la stagione con una vittoria ma purtroppo non ho corso al 100% della forma, e non me la sono sentita di rischiare, visto anche che mi sarebbe bastato un terzo posto al sabato. Ho pensato solamente a correre senza mettermi pressione, salvaguardando anche la moto, e alla fine piazzandomi secondo alla prima giornata ho vinto il campionato, che era l’obiettivo principale. Ci tengo a ringraziare il Gruppo Sportivo Fiamme Oro, la mia famiglia e ovviamente gli sponsor, perché senza di loro non potrei avere il supporto per correre. Grazie a tutti!».



17 Settembre 2018

CENTRO AUTOMAZIONI concretizza il suo impegno nella ricerca e sviluppo finalizzate all’innovazione continua dando il via ad un nuovo progetto. La nuova sfida prevede la realizzazione di un prototipo sperimentale di “simulatore di volo” in ambito aereonautico civile che, attraverso il ricorso alla tecnologia di trasmissione induttiva wireless di potenza (WPT) e alla realtà virtuale aumentata, permetta di ottenere una cella di simulazione priva di contatti fisici e pertanto la libertà di assumere qualsiasi posizione e velocità di accelerazione nelle tre dimensioni spaziali (X, Y, Z).

Il progetto, co-finanziato dai fondi del Programma Operativo Regionale (POR) FESR 2014-2020, ha l’obiettivo di indentificare “best practice” metodologiche basate sul sistema sviluppato dalla ricerca e costituenti un know-how aziendale da utilizzare per implementazioni in nuovi prodotti, processi e servizi nel campo dell’automazione e della robotica. Il simulatore permetterà inoltre un rilevante miglioramento delle simulazioni di volo e dei fenomeni di avvitamento completo e ripetuto e/o di virata stretta, nonché nuove soluzioni dinamiche contactless per simulazioni reali sugli effetti dell’accelerazione gravitazionale g.

 

Qui il documento di sintesi del progetto


samumetal-n1.jpg

22 Gennaio 20180

Dal 1 al 3 febbraio non perdere SAMUMETAL 2018, l’evento fieristico pordenonese che ci vedrà protagonisti, presso il padiglione 4 – stand 15, per presentare il prodotti dedicati alla misurazione 3D di LMI Technologies.

LMI Technologies vanta un’esperienza pluridecennale nel campo della triangolazione laser e i prodotti Gocator spaziano dai displacement sensor (profilometri puntiformi) fino ad area scan 3D, passando per classici profilometri a lama laser. Tutti i prodotti LMI sono contraddistinti dall’alto standard industriale e dalla semplicità di utilizzo, programmazione ed integrazione. I prodotti LMI Gocator sono precalibrati, compensati in temperatura e dotati di strumenti di misura integrati.

I profilometri a lama laser LMI Gocator permettono di realizzare applicazioni 3D, con complessità di implementazione adeguata al bisogno: soluzioni relativamente semplici possono essere programmate ed eseguite completamente a bordo del dispositivo, mentre elaborazioni più complesse utilizzeranno un elaboratore esterno e appropriate librerie software di visione. Gli snapshot sensor Gocator combinano la luce strutturata a LED blu con strumenti di misurazione 3D incorporati per specifiche caratteristiche dell’oggetto. A differenza dei laser utilizzati per la scansione di oggetti in movimento, i sensori di istantanee utilizzano una singola scansione di istantanea per ispezionare i target con movimento di stop / stop. Centro Automazioni ti aspetta in Fiera per condividere maggiori informazioni e valutare la soluzione più efficiente per te.

 


micheluz34-1280x853.jpg

25 Ottobre 20170

Si chiude in Slovacchia, con l’ultimo round del Campionato Europeo Enduro, la stagione 2017 del nostro pluri campione Maurizio Micheluz.
Una gara che era anche valevole come Trofeo Europeo per nazioni e, per la quale, Micheluz è stato chiamato a rappresentare la squadra nazionale assieme a Balletti, Macorito e Pavoni.
Per quanto riguarda la classe E3, 9 erano i punti da recuperare al capo classifica Oscar Balletti, nulla da sbagliare quindi da entrambi le parti visto il totale di 60 punti in palio nelle 3 giornate di gara di questo round. Infatti in questa occasione, oltre ai normali due giorni di Enduro, si è aggiunta la prova finale di Motocross.

 

Nel Finale di Motocross del Day 3 Maurizio sapeva di essere il favorito. Così è stato, permettendogli di vincere di misura la manche di Motocross con oltre 11 secondi sull’estone Uusna e ben 30 su Balletti. Ancora una volta Micheluz conquista il Campionato Europeo nella classe E3. Piccolo rammarico per la classifica assoluta, dove conclude al secondo posto per soli 4 punti.
La nazionale italiana ha dominato tutte 3 le giornate di gara, l’Italia riconquista quindi il Trofeo Europeo che mancava dal 2013, in seconda posizione la Francia e terza la Repubblica Ceca.

Si conclude così in maniera molto positiva il bilancio della stagione 2017, con l’ottavo sigillo continentale, la vittoria nel Trofeo Europeo per nazioni e un bronzo nel Campionato Italiano.
«Una stagione iniziata alla grande con gli impegni sulle sabbie della Normandia per l’Enduro Pale de Touquet e di Lignano e dei risultati incoraggianti, poi il cambio di moto per passare alla due tempi e l’infortunio alla spalla di maggio, proprio nel pieno delle attività, stavano facendo prendere una brutta piega ai campionati in corso. Ma la motivazione e la costanza nell’impegno hanno pagato e i risultati sono arrivati. Grazie a tutti i sponsor, collaboratori e amici che hanno reso possibile tutto questo!» – sono le parole di Micheluz a fine gara.


73520085_l-1-1280x854.jpg

1 Giugno 20170

Sono disponibili gli ultimi posti per “TOP QUALITY Norme UL” il meeting formativo con cui Centro Automazioni, in collaborazione con il partner Te.co., offre ai propri clienti la possibilità di conoscere o approfondire argomenti tecnici del mondo dell’automazione.

Al centro dell’incontro ci saranno le diverse esigenze, modi e tecniche per individuare la corretta modalità di cablaggio per affrontare il mercato del continente americano.

I nostri relatori approfondiranno infatti tutte le nuove normative vigenti del difficile e complesso mondo UL.
L’evento, che si svolgerà il 22 giugno in modalità giornata intera, è rivolto a tecnici e responsabili di progetto.

Sede dell’evento: Sesto al Reghena (PN) presso la sala congressi dell’Hotel In Sylvis.

Prenotazione entro il 09 giugno 2017.

La partecipazione è gratuita e prevede anche il pranzo. Trattandosi di un evento a numero chiuso suggeriamo di riservare gli ultimi posti il prima possibile.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo
0434 919655 oppure scriverci a info@centroautomazioni.com


SEDE AZIENDALE

San Quirino (PN)

Nel nord-est d’Italia, in Friuli Venezia Giulia
+39 0434 919 655

Email

CON CHI LAVORIAMO

Abbiamo clienti in tutto il mondo





RESTIAMO IN CONTATTO

Segui la nostra attività sui social